A. Berg – Sette Lieder giovanili (Italian version)

1. Notte

Le nuvole imbrunano la notte e la valle,
Sale la nebbia, scrosciano piano le acque.
Ed ecco che a un tratto tutto si svela:
Apri gli occhi! Apri gli occhi!
Un vasto paese di sogno si schiude;
Si ergono bianche montagne, alte e fantastiche,
silenziosi sentieri rischiarati da una luce d’argento
ascendono dal grembo segreto della vallata;
e il mondo è sublime, d’una purezza di sogno.
Lungo il cammino cresce un muto faggio
nero nell’ombra, un soffio dal bosco remoto
spira lieve e solitario.
E dall’oscurità della valle profonda
qualche luce scintilla nella notte silenziosa.
Dissetati, anima mia! Dissetati di solitudine!
Apri gli occhi!
.

2. Canto del canneto

Lungo un segreto sentiero nel bosco
amo avvicinarmi furtivo nella luce serale
alla sponda deserta dove cresce il canneto
e a te, fanciulla, volgo il mio pensiero!

Quando poi il cespuglio si fa più scuro,
le canne iniziano a stormire cariche di mistero,
sembrano gemere e sospirare, al punto
che non riesco a trattenere il pianto.

E mi sembra allora di udire
il lieve mormorio della tua voce,
e nello stagno sembra affondare
la tua soave canzone.
.

3. L’usignolo

Accade perché l’usignolo
ha cantato tutta la notte;
e per il suo dolce richiamo
e per l’eco che questo canto diffonde
sono sbocciate le rose.

Lei era in passato una fanciulla selvaggia,
ora cammina nei suoi pensieri assorta,
tiene nelle mani il cappello estivo,
sopporta paziente la vampa del sole
e non sa bene che fare.

Accade perché l’usignolo
ha cantato tutta la notte;
e per il suo dolce richiamo
e per l’eco che questo canto diffonde
sono sbocciate le rose.
.

4. Coronamento del sogno

Cadeva il giorno dei bianchi crisantemi
Io ero inquieto per il loro splendore…
E poi, poi tu venisti l’anima a rapirmi
Della notte nel cuore.
Io ero in ansia, e tu dolce e delicata,
Tu che avevo appena nel sogno incontrato,
Tu sei venuta, e come un melodia incantata
La notte ha risuonato.
.

5. Nella stanza

Sole autunnale.
Mite e tranquilla, ammicca la sera nella stanza.
Un fuocherello rosso
scoppietta e divampa nella stufa.
E col mio capo sulle tue ginocchia,
sono contento.
E se il mio sguardo nel tuo sguardo riposa,
dolce trascorre il tempo.
.

6. Ode d’amore

In braccio all’amore ci addormentammo beati.
Nella finestra aperta indugiava il vento estivo,
e trasportava i nostri placidi respiri
nella chiara notte di luna.

E dal giardino, lieve, un profumo di rose
saliva a sfiorare il letto del nostro amore,
per regalarci sogni stupendi,
sogni di ebbrezza e desiderio colmi.
.

7. Giornate estive

Ora percorrono il mondo giorni
mandati dall’azzurro eterno,
nel vento estivo il tempo si disperde.
Ora intesse nella notte il Signore,
con mani beate, ghirlande di stelle
sopra un paese ricco di strade e meraviglie.
Mio cuore, come potrà esprimere, in questi giorni,
il tuo più puro canto di viandante,
quanto è profonda, profonda la tua gioia:
Per il canto dei prati si fa muto il petto,
e tace la parola, e immagini su immagini
ti vengono incontro e appieno ti soddisfano.

Share

Leave a Reply