Settimana dedicata al Trio dell’Arcimboldo

Oggi Eric Hoeprich ci racconta del pezzo scritto da Bouffil “Trio Op. 7 for clarinet Trio”. In questo pezzo Eric ha suonato un Guerre, Parigi 1830 ca, originale.; Luca ha suonato un Piatet, Lione 1830 ca. originale; e Rocco ha utilizzato un Piatet et Benoit. Lione 1830 ca, originale.

Se si può dire che esiste la perfezione nel genere dei trii per clarinetti, quasi sicuramente sono l’opp. 7, 8 e 12 di Jacques Bouffil (1783-1868). Bouffil ottenne un primo premio al Conservatorio di Parigi nel 1806 sotto la guida di Charles Duvernoy (non Lefèvre, come affermato da Fétis) e da lì in avanti divenne sempre più autorevole come interprete e compositore. Fu assunto dall’Opéra Comique e partecipò alle prime esecuzioni dei quintetti di Reicha opp.88 (1810), 91, 99, 100 insieme ai più stimati esecutori di strumenti a fiato di Parigi, che lo collocarono definitivamente tra la crème de la crème dell’ambiente musicale parigino. Sebbene le composizioni di Bouffil consistessero principalmente in duetti e trii per clarinetti, lui era un maestro indiscusso di questi generi. I tre trii dell’op. 7 sono un ottimo inizio per arrivare poi ad un totale di nove “sonate”. Nella struttura generale Bouffil è un pò conservatore, generalmente aderendo alle forme di Sonata e Rondò, laddove possibile, con ogni opera composta da un Allegro seguito da un Minuetto e Adagio, che termina con un Allegro. Nell’op. 7 raramente si allontana molto dalla tonalità d’impianto e dalla dominante. Ma ciò che rende questi pezzi di successo e distintivi è il modo creativo in cui Bouffil sviluppa il materiale, dividendo i ruoli di melodia, contro-melodia e basso tra ciascuno dei tre esecutori. In opere precedenti come quelle di Gherardeschi o di Mozart, ogni strumento generalmente rimane nella stessa tessitura, raramente si sposta da basso, medio o alto. Naturalmente questo off re una maggiore stabilità nelle prestazioni, ma anche molte meno varietà, colore e creatività. Nei trii di Bouffil non vi è alcun particolare vantaggio nell’eseguire una certa parte, poiché il “lavoro” è distribuito in modo uniforme, dal semplice accompagnamento alle belle melodie con occasionali lampi di virtuosismo.

Registrati gratuitamente alla App di Limen, www.limenmusic.com – e nella sezione “Library & Bonus – Promo” potrai vedere “Trio Op. 7 for clarinet Trio”.
Il CD è acquistabile su Amazon: https://amzn.to/2Pg6Amx

Share

Leave a Reply