Settimana dedicata al Trio dell’Arcimboldo

Oggi Eric Hoeprich ci racconta del pezzo scritto da Hummel “Trio N. 7 per Tre clarinetti”. In questo pezzo Eric ha suonato un Baermann-Ottensteiner system; Luca ha suonato un Poschl, Monaco 1890ca, originale; e Rocco ha utilizzato un Ottensteiner-Hesse, Monaco 1880ca, originale.

Il compositore austriaco, Joseph Friedrich Hummel (1841-1919), scrisse due Trii per 3 clarinetti. Oltre a questi, Hummel ha anche composto due concerti per clarinetto e un’opera, Vampyr (1862), diverse messe e musica da camera. Le sue attività, che comprendevano la direzione oltre che suonare il clarinetto e la composizione, lo impegnavano con un’intensa vita musicale a Salisburgo. I trii per clarinetti sono ben scritti per gli strumenti Baermann-Ottensteiner e riflettono la consapevolezza di Hummel della musica di Wagner, Bruckner e Strauss, nella misura in cui questi mezzi limitati lo consentono. Il trio, a movimento unico in do minore, intriso di un sentimento coinvolgente, riflette il suo interesse per l’opera con la bella coda in do maggiore che fornisce un epilogo solare gratificante rispetto al dramma d’apertura. A differenza di Bouffil, Hummel assegna a ciascun esecutore un’estensione specifica dello strumento, con alcuni passaggi virtuosistici particolarmente impressionanti per la terza voce.

Registrati gratuitamente alla App di Limen, www.limenmusic.com – e nella sezione “Library & Bonus – Promo” potrai vedere “Trio N. 7 per Tre Clarinetti”.
Il CD è acquistabile su Amazon: https://amzn.to/2Pg6Amx

Share

Leave a Reply