Posts Tagged ‘Hindemith’

About “La viola del ‘900″

Here you can find a review (in Italian version) about the latest album of Danilo Rossi and Stefano Bezziccheri, “La viola del ‘900″, published on ARCHI Magazine.

*****
Ciò che il Duo Rossi – Bezziccheri propone in questo CD della Limen è un affascinante viaggio attraverso la più significativa produzione per viola e pianoforte di quel secolo, il Novecento, che “sull’onda di suggestioni emotive ma anche pragmatiche e data la acrenza di un consistente repertorio concertistico…guarda alla viola con attenzione crescente” (Anna Menichetti). Tra le ragioni dell’accresciuto interesse di alcuni compositori per questo strumento sarà utile ricordare: “il suo ruolo aggregante svolto sempre con abnegazione nel costruire il suono-ponte fra archi bassi e acuti in orchestra aggregante svolto sempre con abnegazione nel sostituire il suono-ponte fra archi bassi e acuti in orchestra” e la sua particolare capacità di dar vita ad un “canto profondo e ambiguo, maschile e femminile insieme, discreto e caldo nei diversi protagonisti timbrici e di registro” (Menichetti).
Le composizioni contenute in questo interessantissimo CD appartengono a tre diversi ma significativi momenti storici; al primo e al secondo dopoguerra risalgono rispettivamente la Sonata Op. 11 n. 4 di Hindemith (1919) e Lacrymae op. 48 di Britten (1950), mentre la nascita della Sonata Op. 147 di Schostakovich (1975), può essere collocata in piena Guerra Fredda. Tre lavori nati dunque in contesti storici caratterizzati da un diffuso sentimento di smarrimento delle coscienze di reale difficoltà nella progettazione di un avvenire migliore.
Un campionario emotivo perfettamente rintracciabile nelle pagine musicali di Britten, Hindemith e Shostakovich che  pure nella loro diversità presentano non pochi elementi in comune; dal ricorso alle strutture architettoniche classiche all’impiego di stilemi attinti dal repertorio popolare; dalla presenza di ritmi convulsi a passi di sublime staticità o ancoradall’uso del canto spiegato con veemente intensità alla dolcezza sublime del canto appena confessato.
Danilo Rossi e Stefano Bezziccheri offrono in questo CD dalla generosa durata, una prova magistrale della loro intelligenza di musicisti (nella scelta di un programma così accattivante e ben congegnato), del loro talento d’interpreti (per la cura dei dettagli, dei fraseggi e delle sonorità) e della loro sensibilità di artisti (per l’altissimo livello delle esecuzioni), facendo rivivere mediante l’uso di laceranti accenti, di nostalgiche inflessioni attraversate qua e là da guizzi di struggente sarcasmo, i drammi, le angosce , le inquietudini ma anche le speranze di una difficile e complessa epoca storica.
A rendere ancor più suggestivo il disco, il gesto del respiro di Danilo Rossi lasciato integro dai tecnici della Limen e perfettamente avvertibile in questa incisione, che oltre a ricordare il mormorio della voce di un Pollini o i borbottamente di un Gould suggerisce un pensiero, che va ben oltre il testo musicale e tocca profondamente l’animo.

Luigi Cioffi

.

Danilo Rossi
Stefano Bezziccheri
La viola del ‘900
CD – LIMEN classic & contemporary

Album details

BUY NOW

.

.

.

.

.

Share

About “La viola del ‘900″…

Here you can find a review (in Italian version) about the latest album of M° Danilo Rossi , accompanied at the piano by Stefano Bezziccheri, published on MUSICA magazine.

Danilo Rossi, prima viola dell’Orchestra del Teatro alla Scala, da anni frequenta come solista praticamente l’intero repertorio dedicato al proprio strumento. In questa nuova incisione egli propone tre pagine fondamentali appartenenti alla letteratura del Novecento.
La Sonata Op. 1  n. 4 di Paul Hindemith, violista lui stesso, fu completata nel 1919. É uno studio sulla variazione: il secondo e il terzo movimento sono, infatti, rispettivamente un Thema mit Variationen e un Finale mit Variationen, e sono collocati dopo un’ammaliante Fantasia iniziale di gusto rapsodico. Danilo Rossi e Stefano Bezziccheri non rinunciano qui alla passione e a un suono carnoso che occhieggia ancora al secolo precedente.
Nelle Lacymae op. 48 (1950) anche Benjamin Britten si misura con la forma antica della variazione, traendone una pagina sfuggente e carica di tensione. Il tema “If my complaints could passion move” di John Dowland viene suddiviso in due sezioni, la prima delle quali serve da base per dieci variazioni mentre la seconda si discioglie in una distensiva coda: Rossi sa mantenere una temperatura emozionale elevatissima in tutto il brano, mettendo in evidenza anche le rifrazioni del proprio Maggini. L’estremo lavoro di Dmitri Shostakovich, l’enigmatica Sonata Op. 147 (1975), da modo, infine, a Rossi e Bezziccheri di esprimersi anche in un clima più crepuscolare, a volte astratto, ma pur sempre molto intenso.
La buona registrazione è inficiata da un rumore di fondo talvolta fastidioso (credo che si tratti di soffi del solista).

Massimo Viazzo

.

Danilo RossiStefano Bezziccheri
La viola del ‘900
CD – LIMEN classic & contemporary
.

BUY NOW

ALBUM DETAILS

.

.

.

.

.

Share

Danilo Rossi and Stefano Bezziccheri present “La viola del ‘900″

Danilo Rossi and Stefano Bezziccheri present their latest discographical production: “La viola del ‘900″, at Traiettorie 2011, the XXI International review of modern and contemporary music.

This CD is dedicated to three pieces for viola and piano that, better than others, can reflects developments and changes in music landascape of the Twentieth: Lacrymae Op. 48 by Benjamin Britten, Paul Hindemith’s Sonata Op. 11 n. 4 and Shostakovic’s Sonata Op. 147.

October 2. 2011
At 7:00 p.m. (GMT+1): presentation of the CD with Danilo Rossi, Stefano Bezziccheri and Anna Menichetti.
At 8:30 p.m. (GMT + 1): concert. Performers: Danilo Rossi, viola and Stefano Bezziccheri, piano
@ Casa della Musica
P.le San Francesco n. 1, Parma

Program of the CD and the concert:

Paul Hindemith (1895 – 1963)
Sonata Op. 11 n. 4 “Phantasie” (1919) in Fa maggiore per viola e pianoforte
– Phantasie
– Thema mit Variationen
– Finale (mit Variationen)

Benjamin Britten (1913 – 1976)
Lachrymae Op. 48
Reflections on a song of Dowland (1950) per viola e pianoforte

Dmitri Shostakovic (1906 – 1975)
Sonata Op. 147 (1975) in Do maggiore per viola e pianoforte
– Moderato (Aria)
– Allegretto (Scherzo)
– Adagio (“In memoria del grande Beethoven”)

For more info, please, click here.

Thanks to:

Share